sabato 22 febbraio 2014

La mia prima diretta web!!!



VI ASPETTO  DOMENICA 23/02 ORE 18:30 SULLA RETE 

         


La sana alimentazione, dev’essere vissuta come un momento felice, magico e sereno.
I genitori, o gli altri educatori, spesso non danno il buon esempio.
A volte vorrebbero indurre verso un diverso stile di vita, con promesse o ricatti, creando così, dei conflitti associati alla sana alimentazione.
Con le mani in pasta, gli odori, colori e sapori degli alimenti manipolati, daranno maggiore consapevolezza, oltre a stimolare la fantasia e creatività, nutrendo la mente, lo spirito e il corpo.
Un' esperienza in cui siamo stati gli artefici, lascerà un ricordo positivo ed il cibo prodotto e consumato, avrà un gusto diverso, con maggiore fascino e magia rispetto agli alimenti industriali, confezionati, pieni di conservanti ed additivi chimici.

Domenica 23 Febbraio, alle ora 18,00 ci sarà la mia prima diretta web.
Mostrerò in diretta la preparazione di un dolce: il muffin dalla facile e veloce realizzazione,  per l’essenzialità degli ingredienti adoperati e procedimento.
Ottima ricetta per cominciare a mettere le mani in pasta.
Nell’incontro,  interverrà (sulla mia agitazione hihihi )la Psicologa-psicoterapeuta Elisabetta Pansini.


Che il sole vi baci!

venerdì 21 febbraio 2014

Focaccia : me = banane : scimmie

Lo ripeterò sempre, come un disco incantato: AMO LA FOCACCIA IN TUTTE LE SUE FORME!
Tra due tavole imbandite, una di dolci, perfino alla ricotta, (i miei preferiti) e l'altra con focacce di tutti i tipi, mi tufferei per prima su quest'ultima!
la focaccia sta a me come le banane stanno alle scimmie! 


Focaccia con lievito madre, ricoperta di patata e rosmarino


Impasto idratato quasi al 100%

"Con la partecipazione di": (teglia 26 cm)
280 gr di semola rimacinata di grano duro (Sen. Cappelli)
100 gr di lievito madre rinfrescato
260 gr di acqua
1 cucchiaino di malto d'orzo
2 cucchiai di olio extravergine d'oliva
7 gr di sale

per la copertura:
1 patata media
aghi di rosmarino
sale

"Mettiamo le mani in pasta":
Spezzettare il lievito madre in una ciotola, versare 100 gr di acqua, il malto d'orzo, l'olio, sciogliere con la mano.
Aggiungere la farina poco per volta, mescolare con la mano, dopo un pò versare poco per volta l'acqua, lasciando che la quantità versata sia assorbita bene dalla farina, prima di aggiungere altra.
Lavorare ben bene l'impasto, che risulterà abbastanza molle, verso la fine aggiungere il sale (sbatterlo in ciotola come in questo video dal minuto 2:28 ).
Coprire con pellicola e lasciar lievitare per circa 9 ore ( ricordo che i tempi di lievitazione cambiano in base alla temperatura ambiente).
Affettare sottilmente la patata, lessare in acqua per circa 10 minuti, scolare, lasciar intiepidire e tamponare con un telo ogni fetta.
Dopo la lievitazione, oliare abbondantemente la teglia (preferibilmente in ferro) adagiarvi l'impasto, aprendolo con le mani inumidite, su tutta la superficie della teglia, formare delle fossette con i polpastrelli e coprire con le fette di patata, aggiungere qualche ago di rosmarino, oliare e riporre a lievitare per 1 ora.
Accendere il forno a 220°, a temperatura raggiunta, salare e infornare. Cuocere per circa 40 minuti.
ricordo che i tempi di cottura vanno adeguati alle caratteristiche del forno.


Che il sole vi baci!




lunedì 17 febbraio 2014

Fagottini con pasta madre, farciti con mela e cannella. ("e basta cosi")

(foto tratte dal video)

Cinque anni fa, inizia la mia blog avventura che mi dà la possibilità di esprimere la mia gioia di vivere.
Dagli iniziali monologhi, in cui spesso ho scritto tanto senza dire niente, son passata a post dai contenuti e fotografie più ricercati.
Da quasi un anno, la mia innata passione per le arti visive, mi fa sfornare video ricette, in cui cerco di unire l'utile al diVertevole :)
In occasione dell'ultima video ricetta, quella dei fagottini, ho sperimentato il coinvolgimento degli amici del gruppo fb "La pasta madre".
L'esito è stato positivo e la simpatica partecipazione vocale degli amici del gruppo, ancora una volta mi ha permesso di constatare i vantaggi della collaborazione.
Sento che è iniziato un nuovo piacevole percorso!

Fagottini con lievito madre, farciti con mela e cannella

                     

"Con la partecipazione di":
330 gr di farina 0
70 gr di pasta madre rinfrescata
1 tuorlo d'uovo
160 gr di latte fresco a temperatura ambiente
50 gr di burro a pomata
70 gr di miele
1 cucchiaino raso di vaniglia in polvere o liquida
1 pizzico di sale
Ingredienti per il ripieno:
1 mela di medie dimensioni
cannella in stecca o in polvere
confettura di albicocche

"Mettiamo le mani in pasta":
Versare il latte in una ciotola, aggiungere il tuorlo, il miele, la vaniglia e il lievito madre a piccoli pezzi.
Frullare, con frusta elettrica, per circa 20 secondi.
Aggiungere, poco per volta, la farina mescolando con la mano, dopo aver impastato un pò, aggiungere il sale e continuare ad impastare in ciotola.
Trasferire l'impasto sulla spianatoia per continuare ad impastare ben bene, fino ad ottenere un panetto liscio ed omogeneo.
Incorporare il burro a piccole dosi, impastare e solo dopo averlo amalgamato bene, aggiungerne altro.
Continuare cosi fino ad esaurire la quantità di burro.
Trasferire il panetto nella ciotola, coprire con pellicola e trasferire in frigo per mezz'ora.
Infarinare leggermente la spianatoia e con il mattarello spianare l'impasto, fino ad ottenere un quadrato di circa 30 cm, da dividere in 9 quadrati da circa 10 cm, con la rotella taglia pizza.
Su ogni quadrato, spalmare un velo di confettura, adagiare qualche un pugno di pezzi di mela, aggiungere la cannella.
Chiudere ogni quadrato a fagottino, sovrapponendo i 4 lembi e sigillando bene le aperture.
Disporre ogni fagottino, sulla teglia foderata di carta forno, cercando di lasciare spazio sufficiente per la lievitazione, coprire con pellicola, adagiandola delicatamente, lasciar lievitare in posto caldo, come il forno spento con lucina accesa, fino al raddoppio e anche più, ci vorranno circa 8 ore.
RICORDO che i tempi cambiano anche in base alla temperatura ambiente.
Infornare in forno caldo a 180° cuocere fino a delicata doratura.
Nel frattempo preparare una miscela di latte e 1 cucchiaino raso di miele, in una tazzina di caffè.
Spennellare con la miscela, appena sfornati.


Che il sole vi baci!

sabato 1 febbraio 2014

Un calmante


Alle ore 10:00, dopo circa 3 ore dalla prima colazione e a quasi 3 ore dal pranzo, ho una gran rabbia per la fame!
Alle ore 10:00, se entro in un panificio e chiedo un "calmante", sorridendo mi servono un pezzo di focaccia che, come una stella di mare, divoro direttamente con lo stomaco e il mio animo si rasserena.

Con o senza patata, con o senza semola, di focacce pugliesi ce ne sono tante, Questa è la versione che vi propongo.








"Con la partecipazione di" : (per una teglia di circa 28 cm (non più grande!) )
100 gr di semola rimacinata di grano duro
260 gr di farina 0
1 patata del peso di 60 gr
100 gr di lievito madre rinfrescato
250 gr di acqua
3 cucchiai di olio extravergine d'oliva
8 gr di sale
Per il condimento:
pomodori rossi e maturi
ABBONDANTE olio extravergine d'oliva
origano
olive verdi baresane o nere, se si desiderano

Dosi per una teglia di 30 cm (non più grande):
110 gr di semola rimacinata di grano duro
280 gr di farina tipo 0
1 patata del peso di 70 gr
110 gr di lievito madre rinfrescato
260 gr di acqua
4 cucchiai d'olio extravergine d'oliva
9 gr di sale

"Mettiamo le mani in pasta":
Lessare la patata con la buccia, lasciarla intiepidire, pelarla.
In una capiente ciotola, spezzettare il lievito madre e scioglierlo in  parte dell'acqua e l'olio.
Mescolare le farine, aggiungerle, poco per volta, nella miscela di lievito, aggiungere anche la patata precedentemente ben schiacciata con una forchetta.
Versare pian piano la restante acqua, continuando a mescolare.
A metà lavorazione aggiungere il sale, continuare a impastare, la massa risulterà piuttosto molle. Coprire con pellicola la ciotola.
A questo punto decidete se:
1) trasferire in frigo l'impasto, per 10 ore, dopo il frigo lasciare a temperatura ambiente per circa 5 ore (durata variabile in funzione della temperatura ambiente, dovrà più che raddoppiare)
2)dopo aver impastato, lasciar lievitare a temperatura ambiente, per circa 9 ore (durata variabile in funzione della temperatura ambiente)
Dopo la lievitazione, oliare ABBONDANTEMENTE (è determinante per ottenere la tipica consistenza della focaccia pugliese) la teglia di e  con l'aiuto di un tarocco trasferirvi l'impasto, stenderlo con le mani abbondantemente bagnate, trasferire in forno spento, per 2 ore in inverno, 1 ora in estate.
Nel frattempo lavare e tagliare a metà i pomodori, aprendoli.
Affondare delicatamente i pomodori nell'impasto e se desiderate le olive, oliare con qualche giro d'olio, aggiungere l'origano e se desiderate un pizzico di sale fino, infornare in forno caldo a 220° per circa 35-40 minuti (per i tempi di cottura adeguarsi al proprio forno) la focaccia sarà pronta quando assumerà una cottura dorata intensa e i pomodori saranno lievemente bruciacchiati.
Appena uscita dal forno, coprire con un canovaccio pesante per una 30ina di minuti, per non disperdere l'umidità, in modo da non seccare la crosta. Saprete resistere 30 lunghissimi minuti??? 


Che il sole vi baci!