mercoledì 16 marzo 2016

Calzoni al forno con lievito madre


E' un periodo in cui ho il pc in modalità anarchica, s'accende quando vuole, carica le foto dopo secoli dall'inserimento della card nella fessura del lettore, lascia partire la musica bruscamente, compromettendo ulteriormente la mia incolumità mentale.
Questa ricettina è pronta da un po' di giorni, riesco a pubblicarla solo oggi grazie ad un magnanimo slancio di clemenza e disciplina che esso ha voluto concedermi.
Subodoro un'atmosfera minacciosa, mi aspetto che da un momento all'altro, l'infame, torni a schernire.
Presto! Di corsa! Assemblo: foto e ricetta. 

Derivazione del termine forMATTAzione: soluzione di ripristino computer in panne, che elude l'alta eventualità di aMATTImento di chi fa uso del suddetto.



"Con la partecipazione di": per 7-8 calzoncelli
200 gr di farina tipo 0
50 gr di lievito madre rinfrescato o esubero di 1 giorno
115 gr di acqua
10 gr di olio extravergine d'oliva  + quello che serve per spennellare
3 gr di sale
Per il ripieno:
Formaggio caprino
gherigli di noce
pepe
o secondo i gusti. Es: mozzarella (ben strizzata) e pomodoro, rape stufate, carciofi trifolati e ricotta (ben sgocciolata) ecc ecc

"Mettiamo le mani in pasta":
In una ciotola spezzettare il lievito madre, versare un po' dell'acqua sottratta dalla quantità totale, scioglierlo con la mano.
Aggiungere poco per volta, mescolando, tutta la farina, versare un po' per volta la restante parte di acqua sempre continuando ad impastare.
A metà lavorazione aggiungere il sale e proseguire nella lavorazione.
Incorporare poco per volta l'olio, aggiungerne altro quando la precedente quantità è stata assorbita dall'impasto.
Pirlare in questo modo, ritrasferire in ciotola, coprire con apposito coperchio o pellicola, lasciar lievitare finchè il suo volume sia abbondantemente raddoppiato, circa 8 ore ( (ricordo che i tempi di lievitazione variano in funzione della temperatura ambiente).
Infarinare leggermente la spianatoia, trasferirvi l'impasto, schiacciarlo con le mani poi col mattarello fino ad ottenere un rettangolo di circa 45x25 spesso circa mezzo cm. (da non spianare ulteriormente)
Con un tagliapasta di 10 cm di diametro formare dei segni (per determinarne la distanza) delicati (senza schiacciare) sulla parte inferiore del rettangolo dal lato lungo, inserire il ripieno.
Ripiegare la parte superiore del rettangolo su quella farcita, ritagliare con il tagliapasta sigillare lungo il bordo con i rebbi di una forchetta oppure con la coda del manico di un cucchiaino.
Proseguire nella stessa maniera con i ritagli di impasto.
Foderare di carta forno la leccarda, spennellare abbondantemente di olio extravergine d'oliva sia la parte sottostante che la superficie di ogni calzoncello, man mano trasferirli sulla leccarda.
Cuocere in forno caldo a 180° per circa 15 minuti, non dovranno scurirsi troppo ma rimanere delicatamente dorati. (per i tempi di cottura adeguarsi alle caratteristiche del proprio forno).
Assumeranno una crosticina croccantina all'esterno e consistenza morbida all'interno.
Ottimi caldi.


Che il sole vi baci!



4 commenti:

Alessandra Barbone ha detto...

Ne sono rimasti? Corro da te in quel caso!!!! Ahahahahah...sono anche senza auto in questo momento! Un bacio...

Cipensiamo Noi ha detto...

Davvero buoni invitanti e gustosi! triplo wow!!! :-D Buon pomeriggio :-D

elenuccia ha detto...

Con i PC bisogna far vedere chi comanda, e non devono essere loro :-)
Comunque io ste cose non le devo vedere, che poi mi viene una fame che mi mangerei una sedia

Anna Luisa e Fabio ha detto...

Alle volte veramente fa impazzire la tecnoligie e quando ci si mette è davvero dura!
Ma cosa sono questi calzoncelli? Anche al forno, davvero non gli si può resistere.

Fabio