venerdì 13 dicembre 2013

RICcETTA



La creatività è il mio PANE quotidiano, grosse quantità le adopero in cucina.
Essa vien mangiando, ma se da mangiare non c'è, ognuno aguzza l'ingegno e fa tesoro di quel che ha in dispensa, seppur un tozzo di pane secco.
Mescolare gli ingredienti, creando un arcobaleno di sapori, afferrare al volo le provocazioni di confezioni smezzate di polenta, che è sempre un pò-lenta ad esser smaltita, melanzane che rischiano la melAnzianità, uova in prossimità di scadenza, in questo caso una ciambella di salvataggio risolve sempre tutto, o cogliere, volutamente, in fragranza di reato, un pezzo di pane raffermo, rafFERMO restando,  che da quando preparo il pane con il lievito madre, risulti difficile che un pezzo di esso rinsecchisca, tuttavia se non capita, lo facciamo capitare...non vorrete mica lasciarvi sfuggire cotanta squisitezza?! PARBLEU! Mi si rizzerebbero i capelli, come gli aculei di un riccio!

Polpette di pane, al forno

"Con la partecipazione di":
140 gr di pane raffermo (il mio fatto da me con lievito madre)
200 gr di ricotta fresca di mucca
250 gr di latte fresco
3 cucchiai di olio extravergine d'oliva
1 uovo di gallina gaia 
70 gr di mandorle pelate
60 gr di parmigiano grattugiato
2 cucchiai di pangrattato
sale
pepe
per il ripieno:
80 gr scarsi di fontina
per la decorazione:
pinoli
pepe nero in granuli
aghi di rosmarino

"Mettiamo le mani in pasta": 
Tagliare a cubotti il pane, trasferirlo in una ciotola versare il latte, lasciar in ammollo per circa 3 ore.
Nel frattempo, tostare le mandorle, lasciarle raffreddare, frullarle.
Passate le tre ore, strizzare il pane, trasferirlo in un altro contenitore, aggiungere le mandorle rese in polvere e il resto degli ingredienti, tranne quelli destinati alla decorazione ed al ripieno, amalgamare bene.
Con l'aiuto di un cucchiaio prelevare la quantità necessaria a formare la polpetta (grandezza pari a quella delle crocchette) schiacciare nel centro delicatamente aggiungere pezzetti di fontina, richiudere l'impasto, lavorarlo fino ad ottenere una polpetta allungata.
Sistemare le polpette su una teglia foderata di carta forno, usare i pinoli per gli aculei e il nasino, il pepe in granuli per gli occhietti e il rosmarino per i baffetti.
Infornare a 170° forno caldo, per circa 25 minuti.
P.S a giorni è in arrivo la video ricetta ;)


Che il sole vi baci!





9 commenti:

Claudia ha detto...

M'hai fatto troppo ridere hihihihihi... sei forte.. spiritosa.. solare e geniale!!!!! Questi polpettaus ricci mi piacciono troppo! Dovrò fare anche io far avanzanare il pane... :-) un bacio e buon w.e. :-)

Aria ha detto...

quella tua testolina è d'oro!!!!!ti voglio bene Gaia, come si può non adorarti?

Simona ha detto...

sei davvero fantastica Gaietta bella...questi riccetti sono uno splendore! ( e una bontà, of course...)
bacio e che il sole ti illumini

Il Mondo di Milla ha detto...

Leggeri è sempre un piacere così come provare le tue ricette...non mancherò sicuramente con questi riccetti...il mio piccolo li gradirà senz'altro. Buon w-e

annaferna ha detto...

Gaia dalle manine d'oro e con il sole nell'anima!!
devo confessarti che anche qui in casa ho seria difficoltà anche a fare il pangrattato perchè da pastamadrinaconvulsiva non si sciupa neanche una briciola di pane ahahah
questi riccetti buffi piacerebbero alla mia piccolina ^_^ prendo nota
bacio e che il sole ti accompagni :*

lucy ha detto...

come sempre sei unica e mi piacciono molto i ricci che con i bimbi farei faville!

cooksappe ha detto...

passatemene una!

Alessandra ha detto...

* ¨ * ¨ * ¨ * ¨ Buone Feste * ¨ * ¨ * ¨ *

Alessandra

Betty ha detto...

simpaticissimi :)))
auguri di Buon Natale cara a te e famiglia.
baci.